Agenti chimici: il monitoraggio biologico

  • Agenti chimici: il monitoraggio biologico è la valutazione dell’esposizione delle persone agli agenti presenti nelle areee dove lavorano o dei loro metaboliti, per mezzo della misura costante degli agenti in:
  • tessuti
  • secreti
  • aria espirata del lavoratore esposto

I parametri considerati per questo scopo sono chiamati BEI, acronimo che sta per “Biological Exposure Indeces”, cioè “Indicatori Biologici di Esposizione”.

La legislazione nazionale non riporta valori di BEI. Unica eccezione: il piombo e i suoi composti ionici, di cui all’allegato XXXIX del Dlgs. 81/2008:

Ai sensi dell’articolo 229 (sorveglianza sanitaria) comma 3 del Dlgs 81/2008,

il monitoraggio biologico è obbligatorio per i lavoratori esposti agli agenti per i quali è stato fissato un valore limite biologico. Dei risultati di tale monitoraggio viene informato il lavoratore interessato. I risultati di tale monitoraggio, in forma anonima, vengono allegati al documento di valutazione dei rischi e comunicati ai rappresentanti per la sicurezza dei lavoratori

Agenti chimici e monitoraggio biologico: come impatta sulla gestione aziendale? Come farla correttamente? Chiedilo ai nostri professionisti!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Torna su