Formazione obbligatoria: in vigore il nuovo accordo Stato-Regioni

Entrerà in vigore il 5 settembre 2016 il nuovo accordo Stato-Regioni sulla formazione obbligatoria in tema di Salute e Sicurezza sui luoghi di lavoro, approvato il 7 luglio 2016.

Cosa cambia con il nuovo accordo?

  1. Possibilità di seguire in modalità e-learning anche la formazione specifica dei lavoratori a rischio basso (4 ore).
  2. Diminuzione dei soggetti autorizzati a erogare i corsi RSPP con esclusione degli Enti non accreditati, delle Associazioni sindacali e datoriali meno rappresentative e degli Enti bilaterali.
  3. Requisiti dei docenti più stringenti estesi a tutti i corsi in ambito sicurezza.
  4. Nuove specifiche tecniche per l’erogazione dei corsi in modalità e-learning.
  5. Possibilità di seguire interamente in modalità e-learning il Modulo A della formazione RSPP e modifica dei programmi e della durata dei corsi moduli A, B, C.
  6. Riduzione delle ore per gli aggiornamenti obbligatori di RSPP e ASPP e introduzione della possibilità di ottenere crediti dalla partecipazione ai convegni.
  7. Obbligo di erogare i corsi di formazione antincendio, primo soccorso e RLS in modalità frontale.
  8. Obbligo di consegnare o trasmettere su supporti informatici gli attestati di frequenza della formazione antincendio, primo soccorso e RLS direttamente ai discenti, e non all’azienda o al datore di lavoro.
  9. Possibilità di aggiornare la formazione di lavoratori, preposti e dirigenti nel limite del 50% delle ore anche tramite la partecipazione a convegni.
  10. Introduzione degli esoneri, da utilizzare qualora i contenuti dei percorsi formativi si sovrappongano ad altri corsi già seguiti e documentati (indicati nell’allegato III).

Devi formare un nuovo addetto antincendio, primo soccorso o RLS?

Contattaci per ricevere la proposta aggiornata, conforme alle nuove modifiche normative.

Il vostro consulente R&D e la segreteria formazione rimangono a disposizione per qualsiasi chiarimento.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Torna su