Trasferte e COVID-19

Il Dpcm 7 settembre 2020 ha sostanzialmente prorogato la validità del Dpcm 7 agosto 2020 sino al 7 ottobre 2020, riportando misure di contenimento del fenomeno epidemiologico.
Anche in materia di misure di contenimento del contagio per lo svolgimento in sicurezza di attività produttive.

Divieto di trasferta

 

In un contesto in cui le attività di svariati settori produttivi hanno ripreso a funzionare – in casi affatto sporadici, anche a pieno regime – e le relazioni tra le imprese si riattivano intensificando le interazioni (anche transnazionali), diverse prescrizioni del Protocollo 24 aprile 2020 risultano non solo inattuali, ma altresì d’ostacolo per un’ordinata conduzione dell’attività d’impresa. Si consideri ad esempio l’istituto della trasferta.

Il Sole 24 Ore

Se nella fase critica la misura pareva corretta, in questa fase di ripresa pare eccessiva e ostacolante.

Sulla gestione di questo aspetto, permane molta confusione, anche dovuta alla frammentazione legislativa in materia, con disposizioni diverse da regione e regione.

Vi invitiamo, come sempre, ad interpellare i nostri esperti per gestire questo delicato aspetto della sicurezza dei lavoratori.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Torna su